Assaggi d'Italia: pasta con i tenerumi

Categorie:

Curiosità

  • mail

Proseguiamo con la nostra nuova e speciale rubrica, che vi permetterà di fare un viaggio tra i sapori d'Italia, oltre che tra i ricordi che i piatti tipici di ciascuna regione hanno il potere di evocare in chi ce li racconta.
Il vostro biglietto sarà il gusto, il “mezzo di trasporto” la lettura. Pronti per partire?

Il nostro viaggio continua in aereo: arriviamo in Sicilia, una terra ricca di sole, un'isola in cui quella del cibo è una vera e propria cultura, nota in tutto il mondo e sprigionata dalla terra come dal mare.

Ci immergiamo in una magica atmosfera: la nostra prossima tappa è Palermo (PA), la terra di Giulia, che ce la racconta attraverso un piatto povero negli ingredienti, ma ricco di storia e di ricordi: la pasta con i tenerumi.

"I tenerumi sono un tipo di verdura che generalmente, nel resto d'Italia, viene dato in pasto agli animali da soma, ma con cui noi ci rimpinzavamo d'estate!
Si tratta delle foglie di zucchina lunga, un genere di zucchina che cresce qui da noi, detta anche zucca serpente di Sicilia per via delle sue forme allungate e ricurve."

Nel piatto sembra ci siano tutti gli ingredienti perfetti per riportare la nostra Giulia indietro nel tempo: un mix di gusti in cui domina il sapore dell'estate in famiglia.

"Un piatto che mi ricorda molto l'infanzia e le estati passate nella villa al mare con la mia famiglia allargata (zii, cugini, nonni).
La nonna spesso, al rientro dalla mattina trascorsa al mare, cucinava per una ciurma di affamati, giovani e adulti, chili e chili di spaghetti, che poi venivano sminuzzati.
Si tratta, infatti, di una minestra che si serve fredda, viste le temperature desertiche che qui sfiorano i 40 gradi."

Un'estate da gustare in compagnia, a tavola, con una bella dose di semplicità e quel pizzico di calore sprigionato dalla famiglia, quel calore che è sempre ben accetto.

"Amo questo piatto perché è semplice e povero, ma gustosissimo, come la maggior parte dei piatti siciliani, fatta ovviamente eccezione per i dolci: quelli sì che sono dei veri capolavori di pasticceria barocca!"

Anche questo assaggio d'Italia e di Sicilia si conclude qui. Ma è solo la nona tappa del nostro viaggio: continuate a seguirci e correte a fare il prossimo biglietto!

Chiara Pirani

Seguici su facebook: