ChefTimeOfficialPage: Nido d'uovo

Categorie:

Secondi

  • mail

Come promesso e come faremo per le domeniche a seguire, continuiamo a lasciare spazio alla passione di un giovane amante della cucina.
Per proseguire in questa avventura culinaria, Marco ci propone un piatto un po' speciale, frutto di un'idea davvero geniale.
A guardarlo da fuori, non lo si direbbe mai, eppure dentro quel "nido" croccante e saporito si nasconde un ripieno dal cuore morbido: un uovo celato in un guscio che non è il suo, ma che si presta perfettamente ad accoglierlo.
Perciò, "nido" è il termine che meglio definisce questo piatto.
Nido, perché poggia su una base consistente, ma delicata al tempo stesso, come lo è un ramo, forte e fragile, ma capace di sostenere quella piccola "casa di gusto".
Nido, perché è circondato dal verde tranquillo e protettivo delle foglie, che in questo caso sono impersonate dal gusto delicatamente profumato degli spinaci, intensificati da un pizzico di "linfa" in più, conferita dai cubetti di grana.
Nido, perché il guscio appositamente creato per quest'uovo lo ricorda, nella forma, nel colore, nel senso di voler celare agli occhi dei più curiosi ciò che si nasconde all'interno: solo chi avrà il privilegio di assaggiare potrà scoprirlo.
Nido, perché è come se nascondesse un segreto: è il mix di spezie, intenso ma sempre equilibrato, a dare quella marcia in più al piatto, a far venire ancora di più la voglia di sapere cosa c'è dentro.
Non vi resta che replicarlo, curandolo passo dopo passo, fino a che sprigionerà il sapore migliore di sempre.
Ed ecco che Marco si destreggia tra i fornelli, parlando con il cibo e curando in maniera quasi maniacale la presentazione, perché “guardando un bel piatto ci si sazia prima”.
Seguiamolo nella preparazione del “Nido d'uovo”.

  • Costo:

    Basso
  • Difficoltà:

    Bassa
  • Preparazione:

    30 minuti
  • Cottura:

    20 minuti
  • Dosi:

    4 persone

Gli ingredienti:

300g di patate
100ml di latte
una noce di burro
2-3 cucchiai di parmigiano
sale
600g di spinaci
uno spicchio d'aglio
olio
latte q.b.
100g di scamorza
grana a cubetti piccoli
spezie q.b.
4 uova+2 per la panatura
pangrattato q.b.
parmigiano q.b.
pepe nero q.b.
olio di semi per friggere
glassa di aceto balsamico per accompagnare

La preparazione:

Per prima cosa, preparare la crema: far bollire le patate in acqua fredda per circa 30 minuti. Farle raffreddare, sbucciarle e ridurle in purea, mescolandole con latte, burro, sale e parmigiano sul fuoco dolce.
Passiamo alla crema di spinaci: in una padella, cuocere gli spinaci con uno spicchio d'aglio, un pizzico di sale e un filo d'olio. Una volta cotti, frullarli con la scamorza tritata e con qualche cucchiaio di latte, per rendere il composto più cremoso, profumando con spezie a piacere e unendo del grana padano a cubetti piccoli.
Proseguiamo con le uova: farle bollire, lasciando, se lo si preferisce, il tuorlo liquido. Far raffreddare e poi passare nelle uova sbattute, impanando con pangrattato, parmigiano, pepe nero, sale e spezie a piacimento. Mettere le uova impanate in freezer per circa 20 minuti, in modo da evitare che la panatura si stacchi dopo la cottura. Friggerle, poi, in abbondante olio di semi.
Passiamo alla composizione del piatto: mettere sul fondo la purea di patate, proseguire con la crema di spinaci e terminare con l'uovo impanato, accompagnando con della glassa di aceto balsamico.

Chiara Pirani

Seguici su facebook: